Davide Bono Candidato Presidente M5S per le prossime elezioni regionali

L'assemblea dei 40 candidati consiglieri del MoVimento 5 Stelle usciti dal voto online delle regionarie, riunitasi il 18 marzo sera, ha votato e mi ha scelto come candidato presidente per le prossime elezioni regionali.

Adesso ci concentreremo sullo scrivere le proposte concrete che il M5S intende portare avanti per far rinascere la Regione Piemonte.

In questi anni di esperienza in Consiglio Regionale ho appreso molto, soprattutto nei delicati e fondamentali temi del bilancio e della sanità, conosco in quali ambiti bisogna intervenire e gli sprechi da tagliare per arrivare al pareggio, garantendo altresì efficaci ed efficienti servizi pubblici: dalle partecipate alle nomine dei dirigenti, dagli acquisti in Sanità al controllo trasparente dei finanziamenti, dal taglio delle grandi opere inutili alla corretta gestione dei fondi europei.

Tutto il MoVimento è cresciuto e ora possiamo contare su una vasta rete consolidata di attivisti e di tecnici di supporto: un prezioso serbatoio di diverse competenze su più ambiti. Per formare la squadra della Giunta, composta da 11 Assessori, in ossequio alla legge regionale, 8 saranno scelti tra i candidati consiglieri (compreso il listino del Presidente) e 3 saranno nominati esternamente. Tutti verranno scelti tramite selezione dei curriculum vitae per le competenze richieste.

La crisi economica, ulteriormente aggravatasi, impone un serio impegno sul tema lavoro. Ci concentreremo sull’uso dei 2,15 mld € di fondi europei da destinare ad alcune linee di sviluppo, per evitare i classici finanziamenti a pioggia che garantiscono solo il consenso elettorale, ma non risultati in termini di nuova occupazione. Sicuramente continuerò la battaglia sui temi che ho portato avanti in questa legislatura: l’automobile elettrica resta una priorità, ma c’è anche la filiera delle energie rinnovabili e l’edilizia sostenibile, per rilanciare il settore senza consumo del territorio, ed il turismo dolce.

Nel frattempo lancio il guanto di sfida all'altro Candidato Presidente ad oggi noto, Chiamparino, che vorrebbe eliminare i rimborsi dei gruppi consiliari: accetterà queste semplici proposte del M5S?

#Chiamparinochefai:

Il M5S rinuncerà, come sempre, ai rimborsi elettorali. Chiamparino che fai?
Il M5S si autoriduce lo stipendio a 2500 euro netti al mese. Chiamparino che fai?
Il M5S rinuncia al vitalizio. Chiamparino che fai (compreso il tuo vitalizio da parlamentare)?
Il M5S spenderà per la campagna elettorale 70.000 euro provenienti da piccole donazioni. Chiamparino che fai?

Davide Bono
MoVimento 5 Stelle Piemonte