Nessuno deve restare indietro. Le elezioni di maggio sono un referendum.

Ci auguriamo che lo slogan elettorale adottato dal candidato sindaco Cavicchioli (ci fa piacere che abbia apprezzato il principale slogan usato dal m5s - http://www.beppegrillo.it/2013/01/nessuno_deve_restare_indietro.html - nella scorsa campagna delle elezioni politiche: http://tinyurl.com/p6dnlfl ) venga poi effettivamente applicato al biellese, al contrario di ciò che sta accadendo a livello nazionale. Renzi ha annunciato una "boccata di ossigeno" per i redditi più bassi grazie alle detrazioni fiscali sull'IRPEF, ma tramite l'IVA la fa pagare anche a disoccupati, pensionati al minimo, incapienti, invalidi al 100%, lavoratori atipici, studenti, partite IVA sul lastrico o fittizie, ecc., tutte categorie in gravissima emergenza e che non ne avranno alcun beneficio, anzi. Il M5S ha depositato in parlamento un disegno di legge sul reddito di cittadinanza (indirizzato proprio alle categorie veramente disagiate) ma naturalmente non è stato assolutamente considerato dal partito unico delle larghe intese. Gli elettori ne prendano nota per le prossime elezioni politiche che, ne siamo certi, non tarderanno ad arrivare.

E' tra l'altro paradossale che, essendo così a ridosso delle elezioni, solo il MoVimento 5 Stelle abbia un programma effettivo rivolto alla cittadinanza. Come al solito si aspettano le ultime settimane per chiedere ai cittadini di partecipare 1 volta ogni 5 anni (diversamente dal M5S che propone ad es. il bilancio partecipativo e l'apertura delle porte del Comune 365 giorni l'anno ai cittadini). I partiti poi hanno talmente tante proposte...che sentono la necessità di prendersi anche le nostre (http://tinyurl.com/oxdzhb9). Tanto meglio. Ci fa piacere sapere di essere rincorsi sui temi che da anni portiamo avanti (es. opposizione ai pirogassificatori) e ci fa altrettanto piacere sapere che Cavicchioli si sia impegnato a sottoscrivere due nostre proposte (http://tinyurl.com/q8od2ns), ossia l'istruttoria pubblica (consigli comunali pubblici) e a mettere nelle società partecipate dal Comune persone valutate in base alle competenze e non politici o amici degli amici. Senza il M5S questo sarebbe successo? Ne dubitiamo. Va comunque riconosciuto a Cavicchioli di essere l'unico candidato a essersi espresso in proposito finora.

Purtroppo il PD non vuole (o forse non può) sottoscrivere anche il terzo punto (metterà in lista anche chi siede su una poltrona pubblica da più di 10 anni) che è forse il più importante: come potranno infatti essere rispettati gli altri due se si metteranno in consiglio comunale le stesse persone che in questi anni li hanno regolarmente disattesi? Come si può inoltre proporre di rilanciare il commercio locale, per fare un esempio, se si continua ad essere d'accordo con logiche di interesse come quella dei centri commerciali (http://tinyurl.com/oe2gcwo) che ogni anno impoveriscono drammaticamente Biella di decine di milioni di euro (soldi che non rimangono nel tessuto economico locale)? Sia ben chiaro questo vale per tutti i partiti, e in particolare per quelli che hanno sostenuto le giunte fallimentari delle scorse legislature.

E' ora di cambiare seriamente la politica, e per farlo è necessario cambiare i nostri rappresentanti. Con Antonella Buscaglia possiamo avere la prima donna Sindaco e probabilmente il Sindaco più giovane della storia di Biella. Per la prima volta possiamo essere rappresentati da noi stessi, cittadini liberamente organizzati che a differenza dei partiti non hanno debiti di riconoscenza con lobby e caste varie.

Sul terreno delle proposte abbiamo già vinto, visto che i temi del nostro programma (http://www.biella5stelle.it/content/programma) sono ormai spunto di quasi tutti i candidati Sindaco (liste civiche che spuntano come funghi dopo che non hanno fatto praticamente nulla per Biella in questi anni) i quali, giusto sotto elezioni, si improvvisano pro-turismo sostenibile, pro-ecologia, pro-rilancio del commercio locale, pro-tariffa puntuale sui rifiuti, ecc. Non solo questa classe politica ci ha derubato del nostro presente (e ipotecato il futuro), ma ora vorrebbero derubarci anche delle parole e delle idee raccolte dai cittadini in anni di vero ascolto, per poi rivenderle ai media. Per il M5S il primo passo è l'onestà. Per questo tutti i candidati del M5S devono avere il certificato penale pulito come condizione necessaria per candidarsi. La nostra credibilità è quella di cittadini attivi che da anni si impegnano su ogni materia indicata nel programma. Copiateci se volete nelle parole, ma soprattuto fatelo nelle azioni concrete. Delle promesse elettorali mai mantenute ne hanno le tasche piene il 100% dei biellesi, al di là di ogni schieramento.

La verità è che non vi crediamo più, come aveva già smesso di credere alla classe politica quel 27% di persone che nel 2009 alle amministrative locali non erano andate a votare. E' proprio a questi concittadini sfiduciati che ci rivolgiamo: leggete il nostro programma partecipativo, fatevi un'opinione e poi scegliete chi ritenete più preparato per governare e rilanciare Biella. Noi siamo pronti, le elezioni di maggio sono un referendum: o #vinciamonoi cittadini onesti che abbiamo una Biella diversa in testa e nel cuore, oppure vincono i partiti e le cose restano uguali per altri cinque lunghissimi anni. Il futuro è adesso, ed è nelle nostre mani.

Link di approfondimento:
link: http://www.biella5stelle.it/forum/download/file.php?id=961