Razzismo Moscarolano

Dopo l'ennesimo commento del Consigliere Moscarola su facebook e l'ennesimo articolo in merito non possiamo non rispondere che è ora di dire basta!

Mettetevi il cuore in pace: i flussi migratori sono sempre esistiti, soprattutto in seguito a conflitti causati in gran parte da potenze occidentali, Italia compresa.
Prima c'eravamo noi (e stiamo tornando ad esserlo), ora sono loro che fuggono verso un ipotetico futuro migliore. Spesso muoiono annegati su una spiaggia, senza arrivare ai 4 anni di esistenza.
Ovunque siano sistemati questi disperati non vi aggrada.
Vedete dietro ogni iniziativa un tornaconto senza farvi un esame di coscienza e chiedervi dove sono andati i milioni di euro proprietà degli italiani che avete utilizzato per lauree e diamanti, o i vergognosi stipendi, vitalizi e pensioni faraoniche che la Lega Nord, come tutti gli altri partiti, percepisce da “Roma ladrona”.
"E soccorrere un pakistano ai giardini è solo l'ennesimo spot elettorale, contro un'amministrazione comunale (colpevole di lungaggini e ritardi) che vi concedete per nascondere ogni atto e parola razzista che consumate tutti i giorni."
E non continuate con la solita manfrina dell'accoglienza ed il sostegno al reddito degli italiani, perchè sarebbe già un problema risolto se a Roma avessero accettato il reddito di cittadinanza proposto dal M5S...avremmo italiani felici e stranieri accolti .
E non tirate ora fuori le questioni della copertura economica per denigrare le nostre proposte che sapete benissimo esserci!
Per l'ennesima volta avete perso l'occasione di tacere, se siamo arrivati a questo punto dovete sentirvi voi anche responsabili, dato che avete partecipato attivamente alla vita politica di questo paese che ha creato questo immenso problema d'accoglienza.
Tutti identici, voi nel respingere e le cooperative (che ci lucrano, Roma ne ha svariati esempi) nell'accogliere, non vi interessa delle persone ma soltanto del riscontro elettorale e dei quattrini che stanno dietro.
Sarebbe veramente ora di finirla.

Tags: