Tutela dell’ambiente, del territorio e della salute Biellese

Tutela dell’ambiente,  del territorio e della  salute Biellese

Il giorno 16 Febbraio 2018 dalle ore 21.00 alle ore 24.00 presso il Museo del Territorio di Biella, il M5S di Biella e il M5S Piemonte gruppo di Cossato e di Santhià organizzano un convegno intitolato “Tutela dell’ambiente, del territorio e della salute Biellese”.

Relatori dell’evento:

  • MIRKO BUSTO deputato M5S commissione Ambiente;
  • GIANPAOLO ANDRISSI Consigliere M5S Regione Piemonte;
  • DOTT. GRAZIANO PIANA MEMBRO ISDE ( Associazione internazionale medici per l'ambiente) e DELEGATO "SENTINELLA" AMBIENTALE DELL'ORDINE MEDICI BIELLA;
  • ALESSANDRO PIZZI Vice Presidente COSRAB.

A fronte delle molteplici iniziative industriali e di cavazione che interessano il basso Biellese il M5S di Biella e il M5S Piemonte gruppo di Cossato e di Santhià

DICONO NO

alla Discarica di Amianto del Brianco (Salussola) e al nuovo progetto depositato dalla Società A2A Ambiente, che intende creare in Cavaglià un impianto per la realizzazione di CSS (Combustibile Solido Secondario).

La popolazione, le istituzioni e gli enti devono impegnarsi per fare in modo di non depauperare la ricchezza del nostro territorio, poiché lo stesso appartiene a tutti.

Da troppi anni la Valledora ha subito e sta subendo decisioni politiche che non tengono conto dell’interesse della salute della popolazione e della tutela del territorio, che viene sfruttato con gravi impatti sia ambientali sia economici.

Il terreno scelto per creare la Discarica di Amianto del Brianco (Salussola) è un terreno produttivo e coltivabile, compreso nel disciplinare di produzione della DOP Riso di Baraggia Biellese e Vercellese, oltre ad essere un luogo strategico per l'avifauna e con una ricchezza dal punto di vista naturalistico che è raro trovare altrove nel biellese. Ricordiamo inoltre che l’area scelta è di ricarica di falda e che, per raggiungerla, è necessario attraversare due centri abitati. Riteniamo che l’'interramento dell'amianto non sia la soluzione al problema: poco per volta gli imballaggi che lo contengono si degraderanno, permettendo il rilascio delle fibre nel percolato, con inevitabile inquinamento del suolo e delle acque. Interrare l'amianto non risolve il problema ma lo sposta nel tempo, mettendo a rischio l'ambiente e la salute umana e dando in eredità alle generazioni future la ricerca di soluzioni definitive.

L’ altra notizia di questi giorni riguarda la Società A2A Ambiente che ha depositato un’ulteriore richiesta (la suddetta ha ottenuto qualche mese fa l’autorizzazione per un progetto riguardante solo la separazione delle plastiche) per la creazione a Cavaglià di un impianto per la realizzazione di CSS: un combustibile ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani – rifiuti speciali che potrebbe, a breve, trasformarsi in una richiesta di fabbricazione di un inceneritore.

Non crediamo più ai bei discorsi dell’economia circolare, ormai utilizzati per qualsiasi progetto che ci viene presentato. La salute e la tutela del territorio vengono prima di tutto.

Il M5S di Biella ed il M5S Piemonte gruppi di Santhià e Cossato invitano tutti i cittadini, enti ed istituzioni a partecipare e ad intervenire all’evento.
Riteniamo che sia assolutamente utile essere ben informati su questi progetti affinchè si possa intervenire in tempo e soprattutto perchè avranno un importante impatto sulla salute di tutti gli abitanti del Biellese.

Tags: