M5S: IL SALUTO ROMANO DEL CONSIGLIERE VIGNOLA E’ INACCETTABILE PER UNA CITTA’ MEDAGLIA D’ORA ALLA RESISTENZA

M5S: IL SALUTO ROMANO DEL CONSIGLIERE VIGNOLA E’ INACCETTABILE PER UNA CITTA’ MEDAGLIA D’ORA ALLA RESISTENZA
8 giugno 2021 Maria Teresa Troietto

In data 26 novembre 2019 durante la seduta che avrebbe potuto/dovuto concedere la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre il consigliere della lista Corradino, Alessandro Vignola si produceva in un’atletica espressione di voto in forma di saluto romano. L’inequivocabile atto rappresenta un chiaro intento provocatorio, soprattutto mettendo in relazione il gesto con le polemiche che avevano preceduto la seduta. Riteniamo inaccettabile che un consigliere comunale scada così in basso. Chi è chiamato a rappresentare i cittadini nel più elevato consesso istituzionale a livello locale deve essere un modello di rettitudine anche nei comportamenti. Il consigliere Vignola ha dimostrato di essere indegno del ruolo che ricopre nel consiglio comunale di una città medaglia d’oro al valore militare per la Resistenza. Considerato che ancora oggi in Italia è vietato dalla legge n.645 (legge Scelba poi diventata legge Mancino con il permesso di eseguirlo durante manifestazioni e commemorazioni) e visto il contesto della seduta oltre a rappresentare un becero gesto dispregiativo è pure reato. Auspichiamo che voglia seguire le orme del collega Mino e presentare le dimissioni. In alternativa ci impegniamo a presentare al più presto una mozione di sfiducia nei suoi confronti chiedendo che lasci il consiglio comunale. Del gesto un nostro attivista, Mirco Squaiella, segnalava sui social l’accaduto chiedendo il pronto intervento del Presidente del consiglio comunale e per tutta risposta riceveva una querela dal consigliere, oggi ovviamente archiviata.

Secondo me il dovere di un cittadino è quello di vivere secondo le regole ma anche quello di segnalare quando un politico sbaglia – commenta l’attivista – Durante un consiglio comunale di Biella, preceduto da polemiche sulle cittadinanze onorario da dare e non dare, il consigliere comunale eletto nella lista del Sindaco Corradino, Alessandro Vignola, persona che non conoscevo (e che tuttora non conosco) vota con il saluto romano. Per ben due volte. Gesto sfuggito ai più. Quindi da buon cittadino appunto, chiedo pubblicamente che il presidente del consiglio comunale prenda un provvedimento, anche solo un richiamo generale all’assemblea, ricordando a tutti gli amministratori pubblici che quando si siede nei banchi di Biella si rappresenta la Città e tutti i cittadini. Le uniche risposte sull’accaduto arrivano da un consigliere della Lega, tale Pasquini, che minimizza l’accaduto. Dopo qualche settimana dal sindaco di Biella incontrandomi per caso davanti alla sede della Lega di Cossato mi ricevo queste parole <<Ora troverai chi ti aggiusta>>. La dichiarazione del primo cittadino di Biella è effettivamente seguita da una querela ricevuta dal consigliere Alessandro Vignola. Querela ovviamente archiviata nonostante i vari tentativi di ricorso, perché il GIP scrive: “… risulta chiaramente che il cons. Vignola effettua il saluto romano…. La verità della notizia non può essere messa in dubbio”. Chiedo ancor più a gran forza ai cittadini e alle istituzioni come sia possibile che dopo due anni non siano stati presi provvedimenti contro questo signore che colto sul fatto invece di chiedere scusa, non a me sia ben chiaro, ma ai biellesi decide di zittire con una querela il diritto di critica? E’ questo l’esempio che si vuole dare di una politica prepotente e impunita?

Nelle prossime settimane il gruppo Consigliare del MoVimento 5 Stelle di Biella presenterà una mozione di sfiducia per il consigliere Alessandro Vignola certi del sostegno delle altre forze di minoranza alle quali ne chiederemo anche la sottoscrizione.

Al primo posto ci deve essere il rispetto delle istituzioni e della legge.

                                                                                                                 Gruppo M5S Biella

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*