Interrogazioni

  • Lavori palestre Marucca: quando la fine?

    By in Interrogazioni on

     

    In data 28 gennaio 2019 il gruppo consiliare M5S di Biella ha depositato un interrogazione a prima firma Luisella Neri,  rivolta al sindaco e all’assessore competente, per avere risposte in merito alla situazione del restauro delle palestre Marucca considerato che, malgrado già nel mese di luglio 2018, l’assessore Sergio Leone dichiarasse orgogliosamente che le suddette palestre sarebbero state perfettamente operative a partire da settembre , ovvero dall’inizio dell’anno scolastico 2018/2019, fatte salve le ultime operazioni di finiture e pulizia. Tenuto, altresì in considerazione, che i lavori sono stati cofinanziati dal bando “1000 Cantieri per lo Sport” e che quattro mesi dopo la data prevista, le palestre si presentano come un grande spazio vuoto, privo di attrezzature atte allo svolgimento delle ore di scienze motorie regolare ed efficiente.Considerato, inoltre che, sebbene le immagini, caricate sul sito del comune mostrino una palestra munita di canestro, peraltro oggi inesistente e che, malgrado le affermazioni del sindaco Marco Cavicchioli , contenute nell’articolo postato sul sito del Comune di Biella, siano entusiasticamente propositive:

    «Abbiamo dedicato risorse ed energie allo sport di base» aggiunge il sindaco Marco Cavicchioli, «dalla risistemazione delle aree per la pallacanestro all’aperto fino agli interventi per i campi da calcio di Chiavazza, Villaggio La Marmora e corso 53° Fanteria cofinanziati con i bandi periferie. Anche l’intervento alle palestre Marucca portato a buon fine rientra in questo filone. Abbiamo ricevuto apprezzamenti in questi anni per la qualità e il numero dei nostri impianti sportivi, un primato che cerchiamo di mantenere»

    lo stato attuale delle palestre rende difficile alle società del territorio, agli studenti dell’IIS Q.Sella e delle elementari Gromo Cridis, il cui preside è il consigliere comunale Donato Gentile, la normale fruizione degli impianti. Si interroga, quindi, in merito alle motivazioni per le quali la situazione non sia quella da loro stessi riferita ed entro quale data verranno adeguatamente portati a termine i lavori, considerato e rilevato che ad oggi non si possano ritenere sufficienti.

  • M5S: interrogazione sul Tempio crematorio

    By in Interrogazioni on

    Il nostro consigliere Giovanni Rinaldi, dopo aver bloccato la delibera che consentiva di raddoppiare l’impianto della Socrebi in consiglio comunale, si è impegnato a vagliare una montagna di documenti al fine di chiarire meglio le conseguenze che potrebbero ricadere sul Comune.
    Ieri ha depositato un interrogazione, inviata al sindaco e all’assessore ai lavori pubblici Sergio Leone, avendo rilevato che, il 28 maggio 2018 il Comune sollecitava la suddetta ditta a ottemperare a quanto dovuto nel rispetto del contratto e richiedeva le polizze di assicurazione contro terzi, il tutto ben due anni dopo l’avvio dell’impianto.
    A questo punto Rinaldi pone due interrogativi:
    1 come mai il Comune è stato così tollerante nei riguardi di Socrebi?
    2 la Socrebi ha prodotto tutte le polizze?
    Sappiamo che Codacons sta preparando una class action che vede coinvolte oltre 300 persone che, avendo subito un danno psicologico gravissimo, hanno tutti i diritti ad essere risarciti dai responsabili di tale danno.
    Ora il quesito è il seguente: chi sono i responsabili? se la Socrebi non aveva le polizze necessarie sarà il comune a risponderne in solido?
    Naturalmente il M5S auspica, per il bene di tutti i cittadini, sia quelli danneggiati sia quelli che rischiano di vedersi aumentare le tasse per pagare i debiti riferiti ai danni, che il Comune abbia svolto un azione di vigilanza che, seppur tardiva, risulti sufficiente.
    Attendiamo risposte esaustive da parte del sindaco.